Anima Blog Psicologia

Sviluppare la tecnologia del futuro significa ripartire dalla centralità dell’individuo e dei suoi bisogni, nella vita di tutti i giorni

Per il settore della salute imaginary ha sviluppato una linea di giochi, denominati Games for health, per active ageing, prevenzione, formazione medica specialistica, patologie specifiche. RehAbility, ad esempio, è una suite di games per la neuro-riabilitazione motoria e cognitiva, che permette al paziente di eseguire da casa gli esercizi della terapia riabilitativa, sempre con supervisione e controllo medico costante da remoto.

Come è nata RehAbility e da quali figure professionali è stata realizzata?

RehAbility nasce per rispondere alla sfida sociale sul tema della spesa pubblica per il sistema sanitario in Italia e nel resto del mondo.  Eravamo alla ricerca di una soluzione che garantisse il rispetto del protocollo medico da un lato, migliorasse la qualità della vita dei pazienti dall’altro e nello stesso tempo risultasse meno dispendiosa in termini di tempo, energie e capitale investito. Qualità che nel 2015 ci sono state riconosciute e confermate con la vittoria del premio Digital Award Aboutpharma nella categoria “organizzazione del sistema sanitario”.

E’ pensata per i pazienti neurologici colpiti da ictus, sclerosi multipla o morbo di Parkinson con una particolare metodologia di progettazione che ha previsto più fasi cicliche di co-design con il coinvolgimento di:

  • medici per l’esperienza specialistica,
  • pazienti per raccogliere aspettative, bisogni, difficoltà e vincoli di utilizzo,
  • team multidisciplinare di imaginary (psicologi, metodologi, grafici, programmatori e matematici) per studio, design e realizzazione dei games.

Come si presenta RehAbility e come funziona?

È tutto molto semplice, occorrono solo 1 pc su cui installare il software RehAbility e 1 sensore Microsoft Kinect®.

Il medico ha una sua interfaccia da cui può:

  • impostare e personalizzare il piano terapeutico specifico per ogni singolo paziente
  • aumentare o diminuire l’intensità e frequenza dei trattamenti
  • monitorare costantemente i risultati

Da casa, o dalla struttura, il paziente accede ad un’altra interfaccia in cui può:

  • effettuare gli esercizi (i games)
  • migliorare le proprie prestazioni negli esercizi riabilitativi
  • aumentare l’aderenza alla terapia e la motivazione giocando

Come si compone la suite di games di RehAbility?

Vi è una lista di giochi che hanno come funzione la riabilitazione cognitiva e quella motoria degli arti superiori.

Tutti i giochi si adattano alle reali capacità di movimento del paziente permettendogli di coprire sempre l’intera area di gioco ed evitare così la frustrazione dovuta ad una interattività limitata solo a determinate aree dello schermo.

Ci sono strutture sanitarie che stanno già utilizzando i giochi di RehAbility e con quali risultati?

La soluzione è adottata per un uso corrente dal Gruppo Segesta per la Casa di cura riabilitativa San Salvatore (Cagliari).

Sono in atto delle sperimentazioni specifiche presso la Casa di Cura Privata del Policlinico (Milano), il Centro Medico Otto 20 (Carbonia, CI) e per un utilizzo pediatrico della soluzione, presso Kinderklinik Schömberg (Germania).

In Europa, è in corso una validazione clinica multicentrica che coinvolge diversi centri ospedalieri: Fondazione Don Gnocchi (Milano), Neurologische Klinik Gmünderberg (Austria), Evexia (Grecia), Sant Joan de Déu  (Spagna), IKC Ljubljana (Slovenia), Psihijatrijska bolnica Rab (Croazia), Saint-Antoine (Francia).

La validazione clinica sta evidenziando un impatto significativo nel miglioramento della motivazione e nell’engagement del paziente, nonché una migliore aderenza alla terapia riabilitativa stessa.